Calcio — 26 giugno 2018

Russia 2018: alcune Nazionali hanno già in tasca la qualificazione agli ottavi, mentre altre continuano a sognarla. Già chiusi i giochi nei Gruppi A e B con tutte e tre le gare disputate, negli altri gironi è bagarre per accaparrarsi gli ultimi posti disponibili per il turno successivo.

Ecco dunque l’elenco completo delle squadre che proseguiranno il proprio sogno mondiale.

Girone A: Uruguay e Russia avanti

Sono bastati 180 minuti per decretare le due squadre qualificate nel Gruppo A, Uruguay e Russia hanno chiuso i giochi già dopo due partite, vincendo i rispettivi scontri contro Egitto e Arabia. L’ultimo turno ha assegnato solo il primo posto, andato alla selezione di Tabarez grazie alla vittoria sui padroni di casa per 3-0. Negli ottavi, l’Uruguay affronterà il Portogallo, mentre la Russia se la vedrà con la Spagna.

Girone B: Spagna e Portogallo a fatica

Un terzo turno ricco di spettacolo e suspance per il Gruppo B, che ha regalato emozioni fino ai minuti di recupero. I due pareggi maturati tra Iran-Portogallo e Spagna-Marocco hanno promosso le due formazioni iberiche, con gli uomini di Hierro al primo posto grazie ad un gol segnato in più rispetto a CR7 e compagni. Come già anticipato, la Spagna affronterà i padroni di casa della Russia, mentre il Portogallo scenderà in campo contro l’Uruguay di Suarez e Cavani.

Girone C: Francia qualificata

Francia già agli ottavi, ma non ancora da prima in classifica, servirà non perdere il match con la Danimarca per chiudere al comando il Gruppo C. Per quanto riguarda l’altro pass se lo giocano proprio i danesi e l’Australia, divisi da tre punti in classifica, mentre il Perù è già eliminato.

Girone D: Chi con la Croazia? 

Chi ha in tasca il pass per il prossimo turno in questo raggruppamento è la Croazia, che guida con sei punti davanti alla Nigeria con tre. Proprio gli africani si giocano la qualificazione nello scontro diretto contro l’Argentina, tenendo d’occhio però anche l’Islanda, ancora in corsa per il turno successivo nel caso in cui dovesse battere la Croazia. A quel punto si considererebbe la differenza reti in caso di pari tra Nigeria-Argentina o vittoria della Seleccion di Leo Messi.

Girone E: Rischia il Brasile

Tutto aperto in questo Gruppo, dove Brasile e Svizzera guidano appaiate a quattro punti con la Serbia ferma a tre dopo il ko con gli uomini di Petkovic. Di fondamentale importanza sarà lo scontro diretto tra verdeoro e serbi, con gli elvetici che invece se la vedranno con la già eliminata Costa Rica.

Girone F: Dentro o fuori per la Germania

Nessuna qualificata aritmetica nemmeno nel Gruppo F, dove il Messico comanda con sei punti senza avere ancora in tasca il pass per gli ottavi di finale. Al ‘Tricolor’ basterà non perdere con la Svezia per accedere al turno successivo, dove potrebbe ritrovarsi anche la Germania in caso di vittoria contro la Corea.

Girone G: Belgio e Inghilterra a braccetto agli ottavi

Già definite qui le due qualificate al turno successivo, Belgio e Inghilterra hanno letteralmente dominato il raggruppamento e nell’ultimo turno si giocheranno il primo posto. In caso di parità potrebbe avverarsi una situazione alquanto particolare, dal momento che entrambe queste due Nazionali hanno uguali gol fatti e uguale differenza reti. Se dovessero pareggiare nel terzo turno, a decidere la prima classificata saranno i cartellini gialli ricevuti.

Girone H: Al Giappone basta un pari

Raggruppamento spettacolare quello che chiuderà il terzo turno di questa fase a gironi, dove ci sono in palio due posti per tre Nazionali. Già eliminata la Polonia, i due pass se li giocano Giappone, Senegal e Colombia, con le prime due che guidano la classifica a quattro con i sudamericani a tre. Da tenere d’occhio la sfida tra gli uomini di Pekerman e quelli di Cissé nell’ultimo turno, match da cui uscirà una, o addirittura due, qualificate al prossimo turno. Difficile anche la gara del Giappone, che chiede strada alla già eliminata Polonia per accedere agli ottavi. Basta un pari ai nipponici per festeggiare la qualificazione.

Share

About Author

Admin

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *